Registrati
Ti sarà inviata una password per E-mail

I videogiochi, com’era prevedibile, negli ultimi anni sono diventati parte della Storia con la “s” maiuscola.
Finalmente non più guardati del tutto con sufficienza o con sospetto, perlomeno dalla parte più “aperta” dell’opinione pubblica. Certo, la strada per la legittimazione del reale valore che questi hanno ricoperto per ormai diverse generazioni è ancora lunga, ma tanti ragazzi e ragazze possono dimostrare di saper fare riferimenti alla cultura nerd-pop come a Shakespeare o Hegel, per cui…
Se qualche tempo fa mi avessero detto che mi sarei ritrovato tra le mani un libro di 440 pagine sulla storia di Super Mario lì per lì sarei rimasto perplesso. Non certo perché il personaggio Nintendo meriti una considerazione minore, ma più che altro per i possibili contenuti… beh, con una storia di oltre trent’anni, un centinaio di titoli all’attivo, 260 milioni di copie vendute nel mondo, vuoi che non ti venga sparato un bell’elenco dei giochi in cui compare e arrivederci?
Invece no: la titanica impresa dell’autore William Audureau ci conduce laddove nessun nerd, nintendiano e non, è mai giunto prima. Conoscere tutto, ma davvero tutto, sul personaggio-simbolo della casa giapponese. Pensavate che leggere la pagina di Wikipedia su Mario bastasse e avanzasse? Niente di più sbagliato: ogni dettaglio della storia delle persone (e delle opere) che hanno, direttamente e indirettamente, contribuito alla creazione dell’idraulico più avventuroso del mondo viene sviscerato e ampliato in modo piacevole e interessante, una vera e propria cavalcata nell’epoca d’oro di cabinati e sviluppatori dai nomi altisonanti con tanto di immagini a rendere tutto più vivace (anche, ovvio, un pochino commovente, per chi si ritrova davanti grandi miti delle sale giochi del passato!)
Tutto questo – udite udite – solo per quanto riguarda il primo, epico e più avventuroso decennio di vita dell’alfiere della Nintendo!
Avete capito bene: 440 pagine zeppe di aneddoti dei primi dieci anni (1981-1991) di una delle icone più famose del pianeta, videoludico e non. A quanto ho capito è (inevitabilmente) il primo mattone di una Treccani mariobrossiana 🙂

Un’opera che si legge come un romanzo e si finisce per studiare come un libro di testo, in attesa che Mario diventi Imperatore Galattico e il nostro autore il suo… biografo che si è messo avanti con il lavoro!

Fate finta che tutto questo non l’abbia scritto la parte di me che ha tatuati sui gomiti un funghetto e una stellina ma quella che seriamente svolge il suo lavoro con il tesserino di giornalista in tasca. Uno di quelli – incredibile dictu! – che prima di recensire un libro se lo legge tutto.
Complimenti a Multiplayer.it che si conferma una casa editrice davvero seria e interessante: per Natale (ma anche prima), se siete nerd, o per voi i videogiochi sono una parte di ricordi e di vita, prendete questo libro in dovuta considerazione.

QUI la pagina del libro sul sito ufficiale!

2 Risposte

Scrivi