The Woman in Black, ovvero: “C’è vita dopo Harry Potter?”… il buon Daniel Radcliffe si dà all’horror soprannaturale nella trasposizione di uno dei più celebri racconti gotici inglesi a firma di Susan Hill. Datata 1983, l’opera ha già avuto una trasposizione teatrale di successo quattro anni dopo (e una apprezzata riduzione televisiva nell’89). Adesso è la volta del regista James Watkins e della sua sceneggiatrice testarossa Jane Goldman. Inutile dire che gran parte del peso dell’operazione ricade anche sulle spalle dell’ex maghetto Daniel Radcliffe, che a digiuno di esperienze extracurriculari rispetto ad Hogwarts non è… il nostro vestirà i panni di Arthur Kipps, giovane avvocato al suo primo caso di rilievo: occuparsi dell’eredità di una ricca defunta in uno sperduto e lugubre paesino… risucirà a sopravvivere nella casa (pare) infestata dallo spettro della non proprio felicissima trapassata? Lo scopriremo il 3 febbraio 2012, data di uscita nei cinema italiani (una settimana prima del paese di Sua Maestà!)

A proposito dell'autore

Cuore e acciaio di Mondo Nerd, creatore e deus-ex-machina. Giornalista, blogger, webwriter e socialqualsiasicosa, dai primi anni 2000 imperversa sulla Rete come nemmeno Ken il Guerriero faceva nel mondo post-atomico. Cinema, fumetti, libri e serie tv lo temono manco fosse Godzilla. Cowabunga!

Post correlati

Scrivi