Registrati
Ti sarà inviata una password per E-mail

I lungometraggi dello Studio Ghibli sono indubbiamente tra i più belli e apprezzati al mondo.
Ancora più belli, ma praticamente sconosciuti sono le opere che li hanno ispirati.

Sapevi che “Il Meraviglioso paese oltre la nebbia” di Sachiko Kashiwaba ha ispirato “La Città Incantata” (Spirited Away) di Hayao Miyazaki?
E che l’omonimo romanzo da cui è tratto “Il Castello Errante di Howl” è stato scritto da un’occidentale
ed è il primo di una serie?

Ciò che forse non sai è che questi volumi sono stati pubblicati grazie a KAPPALAB che li ha
resi disponibili anche per i lettori italiani.

L’ultimo “Libro-Ghibli“, presentato alla scorsa edizione di Lucca Comics, è “La Storia della Principessa Splendente” (Kaguya-hime no monogatari)
che ha ispirato il film candidato premio oscar 2015 di Isao Takahata, “La Principessa Splendente“.

 

 

Kaguya-Hime no monogatari è una fiaba tradizionale giapponese del X secolo ed è considerata una delle opere
più preziose della letteratura nipponica.
La principessa Kaguya è diventata un’icona importante della tradizione giapponese ed è stata omaggiata
in molteplici anime, manga e videogames
(non ti dice niente Kaguya Ootsutsuki di Naruto?)

 

 

“La Principessa Splendente” non è la protagonista indiscussa del volume: seguono  “Marco degli Appenini alle Ande“, il triste racconto del piccolo genovese alla ricerca della mamma, descritto da Edmondo De Amics nel Libro Cuore
e “Goshu il Violoncellista” di Kenji Miyazawa, la simpatica storia di un musicista mediocre
e di alcuni incontri magici che gli cambieranno la vita.

Ciò che hanno in comune questi due racconti così diversi è proprio Isao Takahata.
Forse non lo sai ma il regista ne ha creato una trasposizione animata rispettivamente nel 1976 e nel 1982.

Perché leggere “La Storia della Principessa Splendente”?

La fiaba di Kaguya-Hime è importantissima  anche per chi non è amante
del mondo dei “fumetti e cartoni giapponesi” ma desidera scoprire
Il mito che spiega la nascita di uno dei simboli più importanti del Giappone.

Leggo occasionalmente anime e manga, non posso definirmi un’esperta ma mi considero una grande appassionata di folklore,
sempre alla ricerca di nuovi libri di miti e leggende internazionali.
“La Principessa Splendente” e le due Enclopedie Kappalab dedicate ai Mostri e agli Spiriti del Giappone sono ottimi volumi per chi vuole conoscere un po’ di più della tradizione mitologica (e fiabesca) del Sol Levante.

Ippei Otsuka
“La Principessa Splendente”
Kappalab
€ 15,00

Scrivi