Vi è mai capitato di pensare male di una persona per poi scoprire che in realtà è eccezionale? Ecco. Lo step successivo è quello di sentirsi dei completi idioti.

Questo è esattamente ciò che mi è capitato nel leggere The Quest.

Oh no, ti prego.
Fa’ che non sia un altro di quei fumettacci parodia a tema fantasy
.

Mea culpa, mea culpa.
Mea maxima Culpa
.

Scioccamente, credevo di dover leggere un fumetto demeziale, pieno di riferimenti triti e ritriti alla cultura fantasy e disegnato in maniera approssimativa.
Fantastico. Grazie al cielo il volume si è rivelato di tutt’altro spessore.

13240_739650116116736_8569264211365701682_n

La vicenda è molto semplice: John “Due di Picche” è un truffatore che ha fatto del gioco d’azzardo la sua unica fonte di sostentamento, è solo quando incontrerà Il Guerriero che la sua vita verrà catapultata in una spirale di eventi a base di mazzate, battutacce e, perché no, un paio di belle tette.
Sembra una storia come tante altre, se non fosse che…

The Quest è uno spettacolo pirotecnico e Lorenzo Maglianesi è un intrattenitore di raro talento.

 

Il suo stile è una miscela esplosiva di movimento, colore e una scrittura dalle molteplici influenze: è stato capace di combinare elementi provenienti dal mondo del fumetto orientale, americano e dei cartoni animati.

Come lui stesso ha potuto confermarmi in una breve chiacchierata al Cartoomics: la sua intenzione è stata quella di condensare tutto ciò che l’ha ispirato durante la sua vita per poi creare uno stile tutto nuovo, personalissimo e dannatamente pop.

Anche la scelta grafica e la regia generale delle scene rendono The Quest tutto fuorché un fumetto italiano.

thequest1

Per capire meglio il mio entusiasmo, non posso tenere per me un dettaglio che rende questo albo vincente:

l’autore ha scelto di affiancare alla colorazione più “naturale” (che rispetta quanto più possibile i colori reali delle scene) a una completamente innaturale, praticamente snaturata: gli epici flashback e vaneggi del protagonista sono resi monumentali da una colorazione che ricorda la pietra, le stampe e le pergamene antiche, mentre la Violenza è tinta di puro e solo rosso tarantiniano.

Fin dalla prima lettura mi è sembrata un’opera già completa e contemporaneamente un pilot perfetto per una serie di fumetti.

Lorenzo Maglianesi è la risposta vivente alla domanda “Perché finanziare i progetti indipendenti di piccole case editrici?”. Non solo, dimostra come i giovani autori abbiano molto da dire e da dare al panorama fumettistico italiano.

Ah! Piccola nota-non-tanto-a-margine: sulla pagina Facebook ufficiale del fumetto l’autore ha creato uno spinoff della serie, chiamato “Side-Quest” dove i lettori possono decidere le sorti della protagonista femminile della storia semplicemente esprimendo la loro preferenza.

The Quest è pure social, ma che volete di più???

The Quest
Lorenzo Maglianesi
Noise Press
7,50

A proposito dell'autore

Post correlati

Scrivi