Little Brother di Cory Doctorow è un romanzo che parla di un futuro molto simile all’adesso, tra ossessione di controllo e di sospensione dei diritti dei cittadini. E lo fa con stile semplice e avvincente! Doctorow, giornalista e blogger, riesce a condensare il suo pensiero e una riflessione sulla libertà in questo young-adult fantascientifico.

Trama. Nella severissima Chavez High School, a San Francisco, il preside ha Installato un sistema ultramoderno per monitorare le attività degli studenti minuto per minuto. Ma uscire dalla scuola senza permesso non è mai stato un problema per Marcus, noto sul web come “w1n5tOn”: lui conosce tutti i segreti della rete ed è in grado di neutralizzare qualsiasi dispositivo di sorveglianza. E mentre i compagni rimangono a scuola, Marcus e i suoi amici Darryl, Vanessa e Jolu si divertono per le strade della città.  All’improvviso una terribile esplosione: il più efferato attacco terroristico della storia distrugge il centro dI San Francisco, e i quattro, al posto sbagliato nel momento sbagliato, vengono arrestati perché ritenuti coinvolti nella strage.

Chiusi in carcere senza alcun processo e torturati perché confessino, i ragazzi sperimentano sulla loro pelle la violenza e la crudeltà della polizia. Grazie a una console modificata per eludere i controlli del governo, una volta libero wln5t0n darà vita a una comunità di ribelli non violenti, intenzionati a combattere e arginare lo strapotere del Dipartimento di Pubblica Sicurezza. Perché, per chi odia la guerra e la violenza, la tecnologia e l’informatica sono le uniche armi vincenti.

«Riuscitissimo brivido di carta…non una favola apocalittica ma una metafora a salvaguardia della democrazia.» 
Gian Paolo Serino, il Venerdì di Repubblica

«La storia eccitante della rivincita dei nerd: crudele, necessaria e liberatoria!» Scott Westerfeld

«I lettori resteranno semplicemente deliziati dai tentativi di Marcus di mettere in piedi una tecno-rivoluzione… Leggetelo, è un libro che scotta.» Booklist

Scrivi