cool-and-the-gameCool And the Game: uno su Youtube, trino nella vita reale.

In ordine di lettura: Francesco Galati, Stefano Serra e Federico Sciortino. Tutti e tre ultra-venticinquenni, molto romani e abbondantemente laureati. Quelli con la F maneggiano videocamere, fari da cinema e tagliuzzano video; quello con la S sa un sacco di lingue, traduce, fa stage in giro per l’Europa e spicca per una carnagione tipica della sua terra natia: le Puglie.

Sebbene le loro infanzie non si congiungano, gli F si incontrano nella fase prepuberale iniziando una strutturata amicizia che si è trasformata ora in collaborazione lavorativa. Una volta terminato lo sviluppo, S si para di fronte alle loro strade. Il trio non si incarna subito in entità singola: dapprima si frequentano senza grosse pretese, e parlando spesso, tra loro, di musica, videogiochi e argomenti a caso, capiscono che proprio questi ultimi (forse il campo in cui i tre sono più ferrati) possono fare da amalgama per un format adatto a Youtube.

Nasce così Cool And The Game, un canale che parla di amenità e retrogames. Nei loro video ricordano volentieri la loro fervida gioventù. Ricordano tutto, proprio tutto tutto, anche cose che non servono… Soprattutto cose che non servono, che però farciscono i  7-8 minuti attraverso cui cercano di portare i giovani d’oggi a conoscenza di un mondo che non gli appartiene.

Il loro grande obiettivo? Diffondere una cultura che sta andando perdendosi: la cultura degli anni 80 e 90, che da bambino ti ha permesso di giocare con quei controller scomodi, madi cui non ti sei mai lamentato. La cultura che ha fatto da sfondo ad un’infanzia in cui ti regalavano videogiochi orribili, ma con cui ti divertivi per anni mangiando le pizzette Catarì, mentre la fabbrica dei mostri aveva aperto giù in città e tu volevi avere come migliore amico un Biker Mice da Marte; quando bastavano pochi pixel per renderti felice.

Ecco, esattamente questa atmosfera. La mission di questo trio è riportare questa realtà ai ragazzi di oggi che hanno vissuto l’età dello sviluppo, sfogando online i loro sbalzi ormonali, o insultando gente random in multiplayer, o su appositi siti di sfogo di sbalzi ormonali vietati ai troppo adolescenti. Nei loro video principalmente parlano. Ora di videogiochi ora no, ma ciò che li contraddistingue è il parlare, lo spaziare da un argomento all’altro con destrezza e lealtà (tanto per citare un qualunque tizio con degli addominali scolpiti di un qualunque cartone animato degli anni 90).

Se li passate a trovare saranno un sacco contenti, vi accoglieranno a braccia aperte su tutti i social! “Abbiamo un sacco di recensioni positive anche su tripadvisor. Un caldo abbraccio. Cool and the game”

Pagina Facebook di Cool and the Game

Canale Youtube di Cool and the Game

Scrivi