Prendiamo una base di Star Trek, aggiungiamoci un pizzico di fisica quantistica (che non guasta mai), inseriamoci dei personaggi molto particolari (ad esempio un capitano superfigo che dice cose del tipo “io sono di turno quando cazzo mi pare” e un ufficiale medico apparentemente insignificante che però è un genio visionario con un passato doloroso e una missione umanitaria da compiere), un non meglio identificato Nemico (con la enne maiuscola) che di aspetto è uguale agli elfi del Signore degli Anelli ma molto, molto cattivo, un’attrazione “proibita” ed ecco la nuova serie Falling stars di Annika Baldini.

La scrittrice viareggina, dopo svariati romanzi sui più disparati argomenti, ma tutti con la base comune dell’Amore con la a maiuscola, in questa nuova produzione editoriale si cimenta con la fantascienza, di cui non è affatto digiuna, essendo una trekker dichiarata (con una certa simpatia per l’Impero Klingon, per inciso).

La serie, come ci racconta, è nata inizialmente come idea per dei telefilm da proporre agli Amazon Studios come sceneggiature. Peccato solo che gli Amazon Studios abbiano deciso che non necessitano più delle proposte degli autori non professionisti (e infatti hanno chiuso la piattaforma su cui caricarle)…

Che fare di una trama così intrigante, che si sviluppa oltretutto in modo inaspettato? Ma una serie letteraria, ovviamente. Ecco quindi che abbiamo 6 romanzi (questa solo la prima stagione) che sono strutturati come veri e propri episodi di telefilm, con tanto di pilot: brevi (una cinquantina di pagine l’uno), intensi, con dialoghi molto ritmati ed esplicativi.

La fantasia della Baldini sembra non avere limiti: a parte l’immensa astronave ISS Amazonas, grande come una città (all’interno della quale il personale si sposta con navette simili a quelle di una rete della metropolitana, con tanto di fermate e coincidenze), si è inventata specie aliene (una segretaria che ricorda un’iguana, ma con occhialetti e vocina indisponente, una wolfiana che sforna cuccioli e poi li regala, un ittioide, un demone con narici fumanti…), pianeti quasi desertici oppure totalmente boscosi (i prediletti dal Nemico), metropoli tutte locali notturni e divertimento, popoli che hanno deciso di vivere come all’inizio del XX secolo sulla Terra, persone che hanno scelto il totale isolamento.

La trama si dipana sinuosa, scorrendo in mezzo a ricordi dolorosi, desiderio, amore travolgente, paura di soffrire, combattimenti trucidi e scene che stillano miele. I due protagonisti maschili, apparentemente incompatibili all’inizio, instaureranno una relazione molto particolare, che si dipanerà episodio dopo episodio. Attenzione: ogni dettaglio ha un suo perché, quindi chi legge deve fare caso a tutto, anche alle cose più apparentemente insignificanti…

Dove Trovare Falling Stars?

Ovviamente sulla piattaforma per la quale era nata ovvero Amazon, sia in versione Kindle che in versione cartacea.

A proposito dell'autore

Post correlati

Scrivi