Ieri sera prima di cena sento un tremore nella forza, istintivamente accendo la mia spada laser il mio browser e navigando in rete scopro quello che non avrei voluto scoprire… La Disney chiude la LucasArts.

Come certamente molti di voi sapranno la Disney ha acquisito non solo i diritti di Star Wars ma praticamente tutto quello che è inerente a ciò compresa, probabilmente, l’anima di George Lucas! E dopo aver chiuso il celeberrimo cartone animato “Clone Wars” oggi decide di chiudere la LucasArts. Forse molti di voi non la conoscono o sono troppo giovani per ricordarselo… ma chi come me è un po’ anzianotto, potrà capire la lacrima che mi è scesa quando ho saputo questa notizia.viedogame-monkey_island_2_edizione-speciale_lechuck_reveng

Nella mia infanzia tantissime volte,  tornavo a casa eccitatissimo con la mia scatola sotto braccio, inserivo i dischetti nella mia meravigliosa amiga (e poi successivamente pc) e li dopo un installazione che durava ore… potevo finalmente vedere quel familiare, sereno e bellissimo omino dorato sormontato da un occhio… per me, anzi per molti di noi questo rassicurante logo era l’inizio di meravigliose avventure, di momenti passati insieme ad amici, dietro ad un monitor, cercando di battere a spada ed offese, pirati incalliti in epoche in cui i pirati non si chiamavano Jack Sparrow, difendere il pianeta da tentacolari alieni impazziti, salvare il mondo dal caos, attraverso la magia della musica.. ma soprattutto ci permetteva di giocare in quel magico e meraviglioso universo di guerre stellari. Quante ore ho passato ad abbattere Tie Fighter e X-wing per riuscire a prendere questo o quel premio, quanti combattimenti, quante spadate laser mi ha consentito di dare, ma soprattutto quante ore passate con i miei amici a ridere, a divertirci e a scherzare davanti ad un monitor sognando mondi lontani e in parte rivivendoli digitalmente.

Questo era la LucasArts, questo è quello che probabilmente non ci sarà più.

La LucasArt chiude dunque o meglio viene chiusa dalla Disney nella sua “opera” di ristrutturazione del “sistema Lucas” ma quello che ci chiediamo è se sia veramente un bene o un male.

Istintivamente direi che è un male, però cercando di far star zitto il mio bambino interiore che scalcia e piange, voglio cercare di analizzare la questione in maniera il più possibile razionale.

 lucasfuneral-559x416

Disney annuncia che la LucasArts chiude in favore di una ridistribuzione a diverse case produttive del Marchio quindi d’ora in avanti i giochi non saranno più marchiati LucasArts ma saranno per esempio Electronics arts o Ubisoft o perfino Bethesda. Inoltre sembrerebbe che i progetti già avviati come StarWars 1313 e Starwars: First Assault saranno cancellati con enormi critiche da parte dei fan che attendevano con ansia questi titoli nella speranza che il marchio di guerre stellari fosse finalmente rilanciato in maniera decente (diciamocelo Old Republic non è stato questo gran successo!!!).

 

LucasArts chiude: Lati Positivi

purple_worldLa LucsArts d’ora in avanti non sarà più una software house ma un fornitore di licenze. Questo vuol dire che qualunque casa di produzione come ad esempio Ubi, Bethesda, EA, e molte altre potrebbero comprare i diritti e fare le loro avventure grafiche, i loro FPS  e tante altre cose.

Immaginatevi un giochi di ruolo single player come skyrim ma ambientato in guerre stellari! O ancora un rilancio o un reboot o un remake di un gioco fantastico come Loom! In un epoca in cui diciamoci francamente i giochi sono tutta grafica e niente arrosto (tranne rarissimi titoli) questa cosa potrebbe dare una nuova spinta anche a i vecchi giocatori per tornare a vivere le loro avventure. Potremmo vedere una nuova saga dedicata a Guybrush Threepwood e molte, anzi moltissime altre cose. Un nuovo video game dedicato al nostro vecchio professore con il Fedora e la frusta o perchè no uno Stealth Game stile Assassin’s Creed in salsa Guerre Stellari! Insomma di lati positivi ce ne potrebbero essere molti se consideriamo inoltre che la LucasArts non sforna un successo degno di questo nome dall’epoca del primo Knights of the old republic nel lontano 2003, non solo ma per la fretta di uscire rovinarono il seguito di questo meraviglioso gioco sciupando quello che poteva essere per loro una fortuna al pari di AC.

LucasArts Chiude: Lati Negativi

kotorEssendo la LucasArts interna, aveva un controllo maggiore su tutto quello che è il marchio in generale. Inoltre probabilmente capolavori come Monkey Island o Day of the Tentacle non sarebbero mai stati creati, come non sarebbe mai stata creata la meravigliosa SCUMM per non parlare di un sistema che ha rivoluzionato l’audio nel mondo dei videogiochi ovvero iMUSE , il primo sistema che gestiva e mixava il suono sulla base di quello che appariva sullo schermo; Nel lontano lontanissimo 1991 fu una vera e propria rivoluzione, oggi purtroppo lo diamo per scontato! 😉

Tutte queste innovazioni e molto altro sono nate negli studi della LucasArts, studi che non avevano dei semplici programmatori o designer ma dei veri e propri appassionati di una o dell’altra saga, persone che facevano innovazione, creatori non solo di mondi ma di soluzioni. Tutto questo non ci sarà più, tutto questo si perderà come lacrime nella pioggia è dunque tempo di morire? Ai famosi posteri l’arduo compito della sentenza.

 

 

 

A proposito dell'autore

Post correlati

3 Risposte

    • Alberto Macaluso

      Guarda so che può sembrare stupido ma credimi che ho versato anche io una lacrimuccia quando ho saputo che la chiudevano, quanti ricordi, quanti meravigliosi momenti passati e quante risate! Mi spiace, però spero che succeda qualcosa di buono da tutto questo!

Scrivi