10585290_10204473742030874_559111302_nPer decenni Warhammer Fantasy Battle e Warhammer 40.000, al pari di Magic – The Gathering, sono stati indubbiamente tra gli elementi più noti della cultura geek sdoganati nel mainstream.

I titoli di punta della inglese Games Workshop permettono di ricreare tridimensionalmente battaglie nel tetro futuro dell’Imperium dell’Uomo (Warhammer 40.000) o scontri campali tra le varie razze del Vecchio Mondo (Warhammer Fantasy Battle), conflitti resi appassionanti grazie a ricche ambientazioni, un background solido e miniature dettagliatissime. Se molti appassionati di Warhammer amano dipingere e modificare (“convertire”) i loro pezzi, talvolta con risultati eccezionali, alcuni hobbysti, sia veterani che nuovi arrivati, sono tornati alle origini dello spirito modellistico del gioco.

Il gruppo di Facebook “Warhammer Proxies!”, nato nel 2013 ma solo recentemente esploso, cerca di riunire giocatori e modellisti (talvolta definiti “proxiers“) che, usando materiali alternativi come base per i loro lavori (giocattoli, action figures, confezioni dello shampoo, modellini di Star Wars e Gundam, carri e aerei della Seconda Guerra mondiale, circuiti integrati, lego, scatole di pandoro…) assieme a quelli più convenzionali (ad esempio plasticard, styrofoam e materia verde) creano modelli unici.

Per maggior informazioni: https://www.facebook.com/groups/535981369814344/

10706497_10204473742470885_274058500_n10705293_10204473742150877_1434144079_n
10711700_10204473742750892_307337102_n
10694959_10204473741470860_55192588_n

A proposito dell'autore

Cuore e acciaio di Mondo Nerd, creatore e deus-ex-machina. Giornalista, blogger, webwriter e socialqualsiasicosa, dai primi anni 2000 imperversa sulla Rete come nemmeno Ken il Guerriero faceva nel mondo post-atomico. Cinema, fumetti, libri e serie tv lo temono manco fosse Godzilla. Cowabunga!

Post correlati

Scrivi