Quanto è bello uscire dalla sala dopo quasi due ore di film e passare più di un’ora a discutere di quel dettaglio troppopacific-rim-poster-image inverosimile, quell’esagerazione, quell’incongruenza, quel ‘se fosse…’, quel design familiare di alcuni MOSTRONI ENORMI e quell’inutilità di utilizzare DEI CONTAINER NAVALI COME TIRAPUGNI?

Risposta: è molto bello.

Pacific Rim è tutto questo. Non importa neppure utilizzare spoiler per parlare dell’ultima esaltante fatica di Guillermo Del Toro, semplicemente perchè i trailer e le clip l’hanno già spoilerata praticamente in toto. Non c’è niente di diverso da quello che ti aspetti e, sì, di quello che può essere telefonato e banale. In compenso c’è tutto quello che ti fa uscire dalla sala con l’esaltazione che trabocca dalle orecchie (e forse anche qualcos’altro).

Pacific-Rim-Robot-PilotsE sapete cosa? E’ bello così. Ecco la magia che solo chi sa scrivere davvero bene le storie (cinema, fumetti, libri, poco importa) e le porta a compimento con amore ed entusiasmo riesce a scatenare nel pubblico.

Pacific Rim è tutto questo, dicevo, e molto di più.

E’ un saggio su come utilizzare in modo intelligente e per niente irritante ogni possibile stereotipo, su come calibrare una storia altamente drammatica per grandi e piccoli, su come dare quel pizzico di 3D a personaggio bidimensionali e renderli piacevoli, persino quelli a rischio peggior macchietta.

Detto ciò: il film non è un’orgia di effetti speciali, combattimenti insensatamente lunghi contorti inestricabili eiZDz39gbbTjs scenette da facepalm (Transformers anyone?), non è una sit-com coi robottoni, non è una scopiazzatura arida di alcunchè di giapponese. Vi fermo subito: sappiamo tutti benissimo che le fonti di ispirazione vengono dal Sol Levante e sarebbe stupido negarlo. E’ tutto scoperto e gli autori ci tengono a farlo sapere, a partire dal nome dei mostri che è proprio quel ‘kaiju‘ che connota il genere ‘mostri giganti’ da sessant’anni in Oriente: ci sono Mazinga, Goldrake, Jeeg, Evangelion, Gundam, Patlabor e centinaia di altri.

Del Toro e il soggettista-cosceneggiatore Travis Beacham hanno frullato, tarantinamente, i migliori ingredienti delle sue – e nostre – passioni infantili per i robottoni e i godzilla-et-similia e ne ha cavato fuori un prodotto capace di accontentare gli studios nella produzione, il pubblico indifferenziato e i nerd, nostalgici e non. Già un’impresa di per sé.

pacific-rim-cherno-alpha-jaegerSe ancora non siete convinti a dargli i vostri soldi (scusate, cercherò di essere più chiaro: ANDATE AL CINEMA A DARE I VOSTRI SOLDI A PACIFIC RIM), rimane, oltre all’impresa di portare sul grande schermo un genere enorme ed esaltante d’intrattenimento, anche un buon film. Un film dove tutto è studiato al millimetro e dove non c’è una caduta che sia una per l’intera durata, con un comparto visivo incredibile e dei momenti di pura adrenalina, mantenendo il polso della situazione con equilibrio mirabile tra il coinvolgimento emotivo, lo spavento, l’alleggerimento comico, la frecciatina ambientalista.

Compatto il cast, utile alla causa e molto “cartoon”: Charlie Hunnam (l’eroe ‘standard’), Rinko Kikuchi (la… Rei Ayanami), i due scienziati di Charlie Day e Burn Gorman, anche se il ruolo più carismatico e azzeccato è quello di Idris Elba, semplicemente perfetto nei panni dell’autorevole e disincantato marshall Stacker Pentecost. Non parlo del personaggio di Ron Perlman perchè è tutto da vedere 😉

Questo film fa tornare bambini i trenta-quarantenni, intratterrà in modo solido lePacific-Rim-TV-Trailer ‘generazioni di mezzo’ e magari creerà nuovi mostriciattoli interessati a pesanti ammassi di ferraglia che combattono con cazzottoni galattici, alabarde spaziali e pugni a razzo.

Poi, certo, qualcuno dirà: è una sequela di dialoghi ammuffiti, psicologie da due soldi, colpi di scena prevedibili e stucchevoli sganassoni tra computer graphic. Qualcuno cercherà solo di elencare le incongruenze. Beh, spero che un dinosauro alieno alto 40 metri schiacci costoro sotto la sua zampona: in fondo, se uno vive senza godersi in modo spensierato le cose belle della vita, ha diritto di essere stupito, no?

P.S. per il 3D: ottima riconversione e risultato finale perfetto, ma penso che alla fine vederlo senza non sia poi questa grande perdita. Ancora una volta il 3D non si rende indispensabile…

Scrivi